mercoledì 16 gennaio 2013

Autoguarigione: un'ipotesi fondata

Uno dei motivi per cui quasi mai mi inalbero in discussioni scientifiche, passandole per verità assolute, è la continua evoluzione, il cosiddetto "divenire" della scienza stessa.

Se avessimo spiegazioni a tutto, significherebbe non aver più nulla da scoprire.

E allora immaginate un life coach e uno scienziato, l'uno che discute di Legge dell'attrazione e l'altro che come sgarbi continua a  replicare "capra! capra!".

E invece no. No, perché grazie alle neuroscienze, e in particolare alla PNEI ,  acronimo di psiconeuroendocrinoimmunologia, disciplina che studia le interrelazioni tra psiche, sistema immunitario, endocrino e nervoso, nonché come questi si influenzino vicendevolmente, si è capito che la legge di attrazione non è del tutto (scientificamente) infondata.

Anzi, per ciò che riguarda
la salute, ha un suo perchè.

Senza scendere nei particolari, per non annoiarvi, vi dico solo che è dimostrato che il nostro corpo tende all'autoguarigione.


Un po' di tempo fa, leggevo un cartello dalla mia pediatra, c'era scritto:



"il raffreddore dura sette giorni se non curato dal pediatra, una settimana se curato"


La verità è questa. Abbiamo paura ormai della malattia, ricorriamo ai farmaci ad una velocità supersonica, ci nutriamo male, Eccesso di grassi e zuccheri, fumo, ritmi vitali sostenuti hanno ridotto la nostra capacità di autoguarigione,.


Sono "areligiosa" nel senso che non ho una religione, ma non riesco a credere che la vita sia tutta qua e che io sia solo un ammasso di cellule che un giorno finirà sotto terra. E questo mi ha salvato molte volte dalla depressione.

E' infatti dimostrato che le persone che coltivano una vita spirituale hanno una salute più forte, ed inoltre la recitazione di mantra e la preghiera sono cruciali nei processi di autoguarigione.
Perché permettono al cervello di riposare e di produrre sostanze benefiche, riducendo, notevolmente, quelle dannose.
 Ciò accoppiato ad una alimentazione il più possibile corretta (e di cui parleremo) può aumentare notevolmente la qualità della nostra vita.

Riusciamo a rinunciare a caffè, coca cola, e sigaretta?
Se ti piace questo post ti bastano 3 secondi per condividerlo
Condividi su Google Plus Vota su OKNotizie

1 commento:

  1. Ci ho rinunciato da tempo :) come ti ho scritto in un'altra occasione la parte più difficile è condividere con altri queste informazioni.. io continuo per la mia strada!

    RispondiElimina

se commenti, mi aiuti a fare meglio